Un progetto con SPI-CGIL sulla leadership femminile e sulla progettualità nell’età matura

Da dove siamo partite? L’idea ispiratrice nasce nel 2017, a partire dall’osservazione che le donne sono una presenza molto significativa all’interno dello SPI Cgil, ma preferiscono mantenersi un po’ defilate: collaborano alle diverse attività ma sono molto poche quelle che si assumono responsabilità di strutture e di progetti.

Prende così vita un percorso formativo presso SPI-CGIL di Milano – coordinato da Annamaria Rigoni, Consulente e Professional Counselor e articolato in due cicli di 6 incontri nel 2017 e nel 2018 – con lo scopo di sostenere e sviluppare una maggiore leadership nelle donne che attualmente operano nelle sedi SPI Cgil, e nelle donne che potrebbero potenzialmente essere coinvolte in progetti futuri.

Come dice Anna Celadin della Segreteria SPI Cgil Comprensorio Milano, e promotrice del progetto. “Alla fine dell’anno 2017 le donne iscritte allo SPI Cgil di Milano erano il 56% degli iscritti, gli uomini il 44%. E’ quindi importante dare valore all’essere donne nel sindacato, riportare le donne alla politica attiva sul proprio territorio, trasformare le sue iscritte in persone presenti, che attivano delle discussioni e delle pratiche su temi importanti per noi oggi. Diventare attori/attrici del sociale per l’innovazione, la ricerca, la competenza, il talento, la creatività in un mondo che guarda al futuro senza angosce e paure.”

La storia di questo progetto è stata narrata in un volumetto, pubblicato e distribuito all’interno dello SPI Cgil Milano, da cui sono tratte le seguenti testimonianze delle partecipanti

“La vecchiaia è un’età tutta da inventare, la vita cambia ma non deve cambiare solo in peggio, con l’età abbiamo più esperienza e siamo meglio di quando eravamo giovani, siamo più libere interiormente, possiamo dare fiato a quegli ideali e ai quei progetti tenuti tanti anni nei cassetti, non vogliamo invecchiare come fiori secchi.Ci servono donne “vecchie” che si occupano di politica, ma in senso più ampio, che non si limita ai giochi interni alle organizzazioni ma guarda al benessere dei suoi iscritti e della società nel suo insieme”

“Bisognerebbe lanciare un’idea di Community Organizing che ponga il sindacato come grande organizzazione sociale, capace di operare e influire anche fuori dai luoghi di lavoro tradizionali e fuori dalle sedi sindacali, coinvolgendo comunità, reti sociali e producendo un nuovo, diretto, protagonismo delle persone. Per questo è fondamentale che le donne si coinvolgano e trovino uno spazio consono e confortevole, dove agire in libertà e dare origine a idee e progetti, anche fuori dagli schemi tradizionali del fare sindacato”.

“Questo percorso è stata una cosa bella. Grazie allo SPI e alle sue donne per averlo promosso.Mi ha permesso di conoscere altre donne, sentirmi in sintonia ed empatia con loro, interrogarci sul senso del sindacato oggi, alla nostra età e fuori dal posto di lavoro. Ci ha permesso di farlo in modo libero, ciascuno con i suoi tempi, a partire dal sé per ricondurlo al tutto, dal piccolo problema (es. una sede brutta e malsana) al grande interrogativo del potere o dell’autogoverno, maschile e femminile. Pian piano il corso ci ha dato strumenti per analizzare meglio i problemi dei pensionati e delle zone, ci ha permesso di individuare obiettivi, sollecitato a condividerli e ci ha spronato a progettare concretamente dando voce alle donne, alla loro sensibilità e modo di essere, a fare rete. E mi ha ricordato che da soli non si fa nulla. Primo obiettivo cercare le altre donne e aiutarsi.

“Questo percorso è stato un investimento sul futuro. Esso ci ha dato una maggiore consapevolezza e, contemporaneamente, ci ha permesso di agire su di noi per potenziare abilità umane e relazionali quali: autostima, fiducia nell’altro, capacità condividere e progettare un percorso per raggiungere obiettivi comuni, facendo crescere in noi la convinzione  che migliorare noi stesse porta con sé diversi vantaggi e, soprattutto, consente di realizzare un miglior servizio nei confronti dei tanti utenti che si rivolgono a noi con fiducia e che auspichiamo possano farlo in modo altrettanto convinto nel futuro”.

“Ho avuto l’opportunità e la fortuna di incontrare donne di età ed esperienze di lavoro e di vita diverse dalle mie. Ho avuto degli strumenti in più da usare per la mia attività di volontariato. Mi ha dato sicurezza. Ho un atteggiamento diverso nel lavoro che svolgo settimanalmente. Non ho più bisogno del riconoscimento esplicito degli altri per sentirmi più forte e sicura in quello che faccio. Sono più risoluta in certe situazioni, talvolta molto complicate, soprattutto con le donne detenute”.

“Dopo 40 anni di lavoro e di militanza sindacale come delegata, mi ritrovo nella situazione di pensionata. Ho partecipato ai due cicli di incontri per avere la possibilità di sviluppare idee e progetti nel mio nuovo territorio di residenza. Si è aperta una diversa fase della mia vita, vorrei fare tesoro delle mie capacità (anche creative e manuali) e sperimentarmi  in un ambiente che sto imparando a conoscere”

“Mi ha sorpreso l’energia delle compagne più mature e la voglia di fare e progettare dopo averlo già fatto per anni, anzi proprio sulla base dell’esperienza acquisita negli anni passati. Le donne, a mio avviso, non smettono mai di prendersi cura del mondo (famigliare, sindacale, politico, artistico): il tempo che passa non conta.O meglio, conta nell’imparare a donare il proprio contributo con entusiasmo e libertà per rendere più ricco il contesto.Ho respirato un’aria di libertà e tanta voglia di (ri)mettersi in gioco, in un’atmosfera di apprendimento e di leggerezza, grazie alle capacità della nostra docente Annamaria. E soprattutto ho capito quanto sia importante lo scambio intergenerazionale che significa apprendere le une dalle altre per rendere più comprensibile per tutte il nostro presente comune”.

In conclusione, una bella esperienza che ha dimostrato che le donne, a qualunque età, si possono rimettere in gioco su temi che ritengono importanti, per sviluppare delle politiche attive rivolte a migliorare il benessere della società in cui si trovano inserite. 

 

 

 

Contattaci subito

Per ulteriori informazioni non esiti a contattarci a questo indirizzo. Le risponderemo il prima possibile. Spazio24 Formazione e Counseling

Not readable? Change text.

Start typing and press Enter to search